Il Santuario di Montevergine si trova nell’immediata periferia dell’abitato di Palmariggi, piccolo paese del Salento situato nelle vicinanze di Otranto. Il Santuario rappresenta uno dei luoghi di culto a cui tutti i salentini sono devoti ed è anche metà di ininterrotti pellegrinaggi.

 

Alle sue origini è legata una storia molto suggestiva che lega indissolubilmente la Chiesa al territorio dove è stata costruita.

Il santuario della Madonna di Montevergine a Palmariggi

Il santuario della Madonna di Montevergine si trova immerso in una lussureggiante vegetazione e la prima costruzione risale al 1595. Si racconta che, proprio durante l’anno della sua edificazione, un pastorello, che era intento a intagliare un ciocco di legno, perse il coltellino e si mise a cercarlo con ansia, senza riuscire però a ritrovarlo.

Il pastorello, del quale non si conosce il nome, cercò anche tra i rovi e improvvisamente vide una forte luce e una signora bellissima che gli porse il coltellino. La donna era la Madonna che, avvolta dalla luce, lo invitava a tornare in paese e ad avvisare il parroco perché si recassero tutti in quel luogo, che allora prendeva il nome di "Monte Giove".

La gente accorse e, facendosi largo tra i rovi, riuscì a scovare l'entrata di una grotta. Si trattava dell'ingresso a una cripta ipogea di origine bizantina al cui interno, sulla parete orientale, c'era il dipinto della Madonna col Bambino.

Con le offerte dei fedeli fu costruita una cappella per omaggio la Santa Vergine e avere un posto dove pregare. Con il passare degli anni, tuttavia, la cappella andò in rovina e si rese necessaria la costruzione di una nuova, stavolta più grande. L'attuale costruzione fu completata nel 1707, dopo 4 anni di lavori e fu intitolata alla Beata Vergine Maria Assunta in Cielo. Il luogo cambiò allora il nome in Monte della Vergine, oggi diventato Montevergine.

All'esterno il santuario appare a pianta rettangolare, molto semplice, con una facciata dove si trovano solo 2 lesene e un cornicione a 3 ordini. La preziosità della facciata, tuttavia, si deve alla sua costruzione in pietra leccese, fiore all'occhiello di questa terra perché si presta a essere facilmente modellata, restituendo solidità e il tipico colore chiaro.

L'interno del santuario e i festeggiamenti

L'interno del santuario si presenta agli occhi dei pellegrini in modo riccamente decorato. Nella parte superiore c'è una statua in carta pesta della Madonna posta, qui nel 1834, che raffigura la Vergine con il bambino Gesù in braccio.

Alla cripta sottostante si accede attraverso una scalinata con 20 gradini, svelando la magnificenza di questo dipinto rupestre. La Madonna di Montevergine si festeggia solennemente l'8 maggio e viene portata a spalla per vie del centro salentino solo da donne, contrariamente a quanto avviene in altre processioni in cui sono gli uomini a portare in giro il simulacro.

Di fronte al santuario si trova anche un obelisco sormontato dalla statua della Madonna alta 5 metri. Un fulmine la danneggiò pesantemente, al punto da essere ridotta in 452 pezzi. In occasione del Giubileo del 2000 è stata ricomposta e restituita all'adorazione dei fedeli.

Tutto il panorama del Santuario di Montevergine trasmette tranquillità e relax e permette di concedersi delle ore di relax nella natura salentina.

Prenota la tua vacanza

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Dal *
Campo non valido

Al *
Campo non valido

Adulti *
Inserire un numero valido

Bambini
Inserire un numero valido

Età bambini
Inserire le età separate da virgola

Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Ho preso visione e dichiaro di accettare la politica sulla privacy (Art. 13 d. Lgs. N. 196/2003 e Artt 13-14 Reg. UE 2016/679)

Sì, voglio iscrivermi alla newsletter per ricevere le offerte esclusive di Corte Del Salento. Per questo presto il consenso al trattamento dei dati personali.

TripAdvisor