Sapori del Salento: i piatti tipici da non perdere

Sapori del Salento: i piatti tipici da non perdere

Staff Corte del Salento Staff Corte del Salento 24 Giugno 2019 Salento & Dintorni

La gastronomia locale è basata soprattutto su ingredienti semplici, ma non per questo meno gustosi, e chiunque abbia visitato il territorio non può che esserne pienamente consapevole. Ecco dunque una carrellata di specialità salentine, senza la pretesa di esaurire un argomento tanto vasto quanto piacevole da provare di persona.

Gli antipasti

Tra gli antipasti del Salento si può citare la scapece, specialità di Gallipoli ma diffusa in tutta la regione, realizzata con pesciolini fritti e marinati in aceto e zafferano, oppure le pittule, frittelle di farina che si possono gustare vuote o alla pizzaiola.

I salentini utilizzano tutte le verdure del territorio per preparare ghiotti antipasti, ed ecco quindi zucchine, peperoni e pomodori cucinati secondo tradizione, ma anche melanzane fritte o lavorate a polpette con uova, pecorino e pane grattugiato.

I primi piatti

La regina dei primi salentini è senza dubbio la pasta fatta in casa, soprattutto orecchiette e maccheroncini, abbinata a frutti di mare, legumi o verdure; impossibile non citare le sagne ‘ncannulate, pasta fresca ritorta e condita con sugo di pomodoro e ricotta.

La zona del Salento è inoltre rinomata per una particolare pietanza nota come ciceri e tria, che è pasta fritta mista a pasta lessata condita con i ceci. Ma non va dimenticata la classica parmigiana di melanzane, diffusa in tutto il Sud Italia, ma appartenente di diritto alla cultura pugliese.

I secondi piatti

Pesce e carne, soprattutto di cavallo, si dividono equamente lo spazio destinato al secondo. Tra i piatti più tipici occorre ricordare la “carne alla pignata”, cucinata in una grossa pentola di terracotta con diversi tagli di carne bovina – polpa, muscolo, pancetta – o con ritagli di carne di cavallo, e in questo caso il piatto prende il nome di pezzetti di cavallo al sugo; in entrambi i casi la cottura avviene lentamente in un sugo di pomodoro con aromi e peperoncino. La provincia di Lecce è nota anche per i turcinieddhri (o gnummareddi), involtini di interiora miste di agnello arrostiti sulla brace considerati una prelibatezza assoluta.

Fra le specialità di mare meritano una citazione le cozze, preparate in molti modi diversi tra cui la celebre pepata, e il polpo cucinato nella “pignata” di terracotta oppure in umido o in insalata. Un altro piatto tipico salentino è la zuppa di pesce alla gallipolina, realizzata con una grande varietà di pesci, molluschi e crostacei cotti lentamente con vino bianco e pomodorini.

I dolci

Per concludere un buon pranzo, il Salento offre numerosi dolci tipici tra i quali vale la pena ricordare i mustazzoli o mostaccioli, biscotti speziati non lievitati ricoperti di cioccolato, e il pasticciotto leccese, composto da un guscio di pasta frolla ripieno di crema pasticcera.