I riti del 19 marzo: le Tavole di San Giuseppe

Ci sono molti tipi di turismo: quello puramente rilassante all'insegna del divertimento oppure quello culturale alla scoperta del patrimonio storico ed artistico dei luoghi.

C'è poi la vacanza che si svolge all'insegna di tradizioni che hanno radici antichissime: nel bellissimo Salento, in occasione della festa di San Giuseppe il 19, si svolge ad esempio un rito che trova espressione nelle Tavole di San Giuseppe.

Il significato della tavola

Le Tavole di San Giuseppe costituiscono un affascinante connubio tra sacro e profano, che ancora oggi si tramanda in molti borghi salentini: da Otranto a Minervino di Lecce, da Uggiano La Chiesa a Giuggianella fino a Giurdignano, che pare sia stata la culla di questa tradizione. L'essenza di questo evento consiste nell'imbandire tavolate, nell'intimo delle proprie case o nelle stesse piazze: in molti centri nel cuore della Grecía Salentina come Calimera o Martignano, il tutto è accompagnato rispettivamente da messe celebrate in griko, un idioma arcaico che ancora si conserva in questi borghi, oppure da canti della Passione salmodiati nello stesso antico dialetto al suono di tamburelli e flauti.

Le Tavole di San Giuseppe vengono generalmente imbandite da quelle famiglie che chiedono una grazia al santo o che devono ringraziarlo per l'atto misericordioso ottenuto con la sua intercessione.

Alla tavolata i partecipanti devono essere sempre in numero dispari: da un minimo di tre, vale a dire la Sacra Famiglia con i rappresentanti di San Giuseppe (il capofamiglia), la Madonna (una giovane nubile) e Gesù Bambino, fino a tredici con determinati santi (Zaccaria, Anna, Gioacchino, Elisabetta, Maria Cleofe, Filippo, Giuseppe di Arimatea e Giovanni).

Come si svolge il rito

Tutti i commensali raggiungono la tavola, precedentemente benedetta dal sacerdote, dopo aver partecipato alla messa del 19 marzo ed essersi confessati per arrivare puri all'appuntamento.

Il pranzo è governato da colui che impersona San Giuseppe che, con l'ausilio di un bastone o di una forchetta, indica il momento in cui mangiare e quello in cui interrompersi per pregare.

Anche i cibi offerti ai commensali e che occupano tavole apparecchiate di bianco non sono scelti a caso. Prima di tutto non possono mancare il finocchio, l'arancia ed il pane a forma di ciambella con al centro l'immagine di San Giuseppe: sulla stessa crosta sono poi impressi i simboli dei santi a cui la pagnotta è destinata (il rosario indica la Vergine Maria, le tre sfere il Cristo mentre il bastone fiorito simboleggia San Giuseppe).

Vengono dunque offerti: la pasta e ceci; pesce fritto; i lampascioni, simbolo dell'arrivo della primavera; le cartellate al miele; il cavolfiore; lo stoccafisso.

La tradizione vuole che la famiglia ospitante mangi solo ciò che resta sulla tavola, perché ciò che ha preparato è stato donato ai commensali come nel medioevo faceva il Signore del borgo a favore dei meno abbienti.

Prenota la tua vacanza

Nome *
Campo non valido

Cognome *
Campo non valido

Email *
Campo non valido

Dal *
Campo non valido

Al *
Campo non valido

Adulti *
Inserire un numero valido

Bambini
Inserire un numero valido

Età bambini
Inserire le età separate da virgola

Messaggio
Inserire un messaggio

Privacy *
Accetta la privacy

Ho preso visione e dichiaro di accettare la politica sulla privacy (Art. 13 d. Lgs. N. 196/2003 e Artt 13-14 Reg. UE 2016/679)

Sì, voglio iscrivermi alla newsletter per ricevere le offerte esclusive di Corte Del Salento. Per questo presto il consenso al trattamento dei dati personali.

TripAdvisor